Gianluca Riboni

Le parole sono tutto ciò che abbiamo, perciò è meglio che siano quelle giuste.

– Raymond Carver

Gianluca Riboni, coi baffi (finti)

Ciao! E grazie per essere passato :-)

Mi chiamo Gianluca e scrivo per dimenticare, ma anche per essere ricordato. Sempre, cocciutamente, in Arial 11.

Perlopiù scrivo romanzi, ma non saprei di quale genere, quindi non me lo chiedere, please.

Ho “auto-prodotto” il romanzo Io, il Sassofonista e il Jack, disponibile sul il miolibro.it, e si tratta di un incauto esperimento di narrativa jazz. Tradotto, vuol dire che ho improvvisato tutto dall’inizio alla fine, ma non se ne è accorto nessuno. Quindi, ssssst.

Come tutti, credo, nella vita avrei voluto fare un sacco di cose, tra cui, in ordine sparso: il pilota di Formula 1, il pianista, il disegnatore di fumetti, il ricercatore, il giornalista, il “MadMen” … e invece, tra una vicissitudine e l’altra, sono finito a lavorare nel magico mondo del “vuvuvu”.
Per farla breve, mi devo smazzare un po’ di progetti digitali, tra cui applicazioni mobile, siti e portali web, indagini online, campagne di e-mail marketing, quelle cose lì, insomma, e fare in modo che vedano la luce senza troppi danni.

Gestivo il sito E-Mail Marketing LAB, un blog-laboratorio incentrato sull’e-mail marketing per l’appunto, ma un bel giorno, stressato da tutto quel caos di provette e alambicchi, ho deciso di chiuderlo e trasferire i principali contenuti su questo sito.

A colazione, mi nutro principalmente di letteratura americana.
Per dessert, sono goloso di cinema, fumetti e serie tv.

Mangio sano e, per quanto posso, mi piace tenermi in forma.

Non so resistere alle cose belle. Tutte quante, ma, se dovessi scegliere, mi accontenterei di un paesaggio nordico oppure di Jennifer Lawrence (abbiamo anche preso un caffè insieme, una volta).

1972364_10203475638835868_1465532183_n

Ok, questi sono i miei profili social, anche se non mi va di stare connesso sempre e comunque.

facebook   googleplus   linkedin   twitter   pinterest

Passa a trovarmi ogni tanto, qui c’è sempre qualcosa che bolle in pentola 😉

Social icons credits